insonnia

L’insonnia

L’insonnia è un disturbo più comune di quanto si creda. Una recente statistica indica che circa il 14% delle persone lamenta un qualche disturbo del sonno ed è insoddisfatta del proprio dormire. La percentuale aumenta poi con l’età raggiungendo, dopo i 60-65 anni, il 33% ed il sesso femminile sembra essere il più colpito.

INSONNIA

Con il termine insonnia si indica la sensazione soggettiva di non aver tratto sufficientemente riposo dal proprio sonno, perchè non adeguatamente lungo o perchè privo di riposo. Per definire questo disturbo del sonno è estremamente importante tenere conto della soggettività ci sono vari tipi di insonnia e varie anche le cause dell’insonnia. Si può definire insonne qualsiasi persona, indipendentemente dalla durata del sonno, i soggetti che non dormono bene non si sentono in completa efficienza fisica e mentale durante il giorno.

Perchè è importante dormire?

Il sonno, come mangiare e respirare. è una funzione essenziale, non è uno stato passivo. Quando dormiamo il cervello non riposa: elabora gli stimoli raccolti del corso della giornata, organizza un proprio sistema di archiviazione dei dati ed elimina quelli ritenuti superflui. Predispone in pratica l’attività cerebrale allo stato di veglia, in modo che sia possibile utilizzare tutto ciò che consente all’individuo di lavorare ed esprimere il meglio di sè nei confronti della realtà. Il sonno è quindi, un processo in continuità con la veglia, biologicamente necessario per consentire all’organismo di adattarsi all’ambiente circostante.
Durante il sonno vengono attivate numerose funzioni metaboliche: i reni ed il fegato eliminano le tossine più efficacemente di quanto si è svegli, il sistema immunitario produce più anticorpi e l’ormone della crescita viene prodotto in quantità maggiore. Il sonno è anche un elemento importante per combattere l’obesità.
Il sonno è una fase attiva della vita quotidiana assolutamente necessaria a completare l’equilibrio di tutto il corpo; si comprende perciò come tutto ciò che altera l’equilibrio sonno-veglia diventa fonte di disagio per l’individuo, con pesanti ricadute sulle attività quotidiane come sonnolenza, difficoltà di concentrazione e nervosismo.
Il trattamento Reality 2000 agisce su due livelli: sulla qualità e sulla quantità del sonno.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *